Orto e Erbari

L’Orto Botanico e l’Erbario sono i luoghi dove si può conoscere e studiare il mondo delle piante: ammirando ‘collezioni’ molto particolari. Se infatti l’Erbario custodisce un compendio del regno vegetale rappresentato in più collezioni di campioni essiccati e di disegni botanici, l’Orto è un laboratorio a cielo aperto dove poter riconoscere le diverse specie di piante e confrontarsi con tematiche scientifiche attuali, come la conservazione della biodiversità e il mantenimento di ambienti naturali.

L’ingresso e la Scuola

Leggi di più

La zona di ingresso presenta aiuole di piante indigene ed esotiche appartenenti a 5 continenti. Di particolare interesse è lo spazio dedicato ai fiori spontanei (Wild flowers) e agli impollinatori, con l’installazione del Bee Hotel, il loro rifugio e riparo. La Scuola consiste in 18 aiuole rettangolari, disposte su 2 terrazze allestite a inizio ‘900, e ospita piante officinali e alimentari, raggruppate per famiglia, per facilitarne il riconoscimento.

Ambienti particolari

Leggi di più

Varie piante spontanee toscane crescono in ambienti ricostruiti nell’Orto. Il Felceto, una scarpata rocciosa e umida ospita le felci, mentre piante specifiche di aree pascolate e degradate crescono nel Giardino roccioso, costituito da suoli di composizione mineralogica diversa. Piante acquatiche rare, indigene ed esotiche, sono in piccoli laghi e vasche. Orchidee spontanee fioriscono da aprile e giugno nelle aiuole del Parco.

Erbario generale

Leggi di più

Costituisce il nucleo centrale dei campioni d’erbario universitari a testimonianza delle ricerche vegetazionali, floristiche, farmaceutiche. Visto la delicatezza dei campioni è aperto solo per studio e ricerca. Si articola in diversi gruppi: Angiosperme, Gimnosperme, Pteridofite, Alghe, Briofite, Licheni, Macromiceti. Si compone di oltre 100.000 campioni, per lo più italiani. L’erbario è consultabile on-line:
www.anarchive.it

Le Serre

Leggi di più

L’Antica serra ospita le piante sempreverdi delle foreste caldo umide equatoriali/tropicali, con le Orchidee e le Insettivore. Il Tepidario custodisce invece specie arboree esotiche in vaso e una collezione storica di succulente (piante grasse). La Limonaia accoglie in inverno gli agrumi e varie specie ornamentali, che non sopportano il freddo invernale. La Serra sperimentale è utilizzata per ricerche, come semenzaio e camera di crescita.

Il Parco e il Podere

Leggi di più

Il Parco si identifica con la parte boscata dell’Orto Botanico ed è costituito da alberi e arbusti all’interno di aiuole costruite in stile ottocentesco e intercalate da vialetti e vasche. A valle, in prossimità delle mura medievali della città, c’è il podere, dove si coltivano alberi da frutto e varie specie orticole locali, cioè il germoplasma autoctono del territorio senese, inserito nella Rete di conservazione di specie della Regione Toscana.

Erbari monumentali

Leggi di più

Comprendono collezioni risalenti al XVIII sec.: Anonimo senese, Erbario Felici, Erbario “Cappuccini di S. Quirico d’Orcia; Collezioni del XIX e XX sec. in numero limitato: Erbario Crittogamico Italiano, Mosses de la Suisse, Mycotheca Germanica. Particolari Erbari personali donati: Herbarium Ricasolianum, Erbario Cucini, Erbario Andreucci, Herbarium Chigi Zondadari, Erbario Musmarra, Erbario Ferrarini, Erbario La Rosa, Erbario Cataldi.