Il SIMUS nella Rete italiana dei Musei universitari


I servizi educativi del SIMUS


I musei del SIMUS

International Darwin Day a Siena, il 12 febbraio 2019 alle ore 17.00

L’Ateneo senese, attraverso il suo Sistema Museale (SIMUS), torna anche quest’anno a rendere omaggio all’ingegno del padre dell’evoluzionismo. A oltre due secoli dalla nascita di Charles Darwin, l’Università di Siena partecipa all’International Darwin Day con una iniziativa organizzata dal SIMUS e curata da un suo collaboratore, il dottor Alessandro Schiafone, che proporrà flash talks darwiniani, brevi interventi di docenti e ricercatori universitari su differenti tematiche che illustreranno le molteplici sfaccettature della Teoria Evolutiva che ha rivoluzionato le scienze
biologiche.

Martedì 12 febbraio, dalle 17 alle 19 nell’Aula Magna Storica del Rettorato, si racconteranno storie sullo stretto rapporto coevolutivo fra insetti impollinatori e piante a fiore, e si mostrerà
l’evoluzione iconografica dell’uomo di Neanderthal, evidenziando come essa sia cambiata nell’immaginario scientifico, essendo prima rappresentato come un grosso scimmione mentre la
moderna teoria lo vuole appartenente alla medesima specie dell’Homo sapiens.
Si parlerà del professor Achille Quadri, uno fra i primi docenti senesi a sostenere e a insegnare la teoria evolutiva nel nostro ateneo. E si approfondiranno argomenti curiosi e poco conosciuti come
la disabilità in epoca preistorica in un’ottica evoluzionistica, o un approccio alla teoria evolutiva attraverso il mondo dei videogiochi, creando un parallelismo fra il mondo videoludico e la realtà.
Infine, si leggerà la teoria darwiniana dell’evoluzione attraverso esempi che prenderanno in considerazioni organismi molto piccoli, come i foraminiferi, per mostrare la continuità del processo evolutivo, e grandi mammiferi per spiegare i meccanismi ecologici che ne regolano la convivenza.

Scarica la locandina

Per informazioni:

email: sistemamuseale@unisi.it
tel: 0577235469 – 0577235470

 

Simus Newsletter novembre e dicembre 2018

 

Simus Magazine è un notiziario caratterizzato da scritti brevi e di taglio divulgativo che vuole essere un mezzo di informazione su progetti, attività e iniziative delle realtà museali dell’Università di Siena ma anche un modo per stimolare riflessioni e confronti su tematiche inerenti la museologia.

Questa è la newsletter di novembre e dicembre 2018. Continue reading

Simus magazine – regole redazionali

Come redazione della newsletter di un Sistema di musei universitari siamo profondamente convinti che questa possa essere un luogo di confronto e di arricchimento per tutti. Per questo motivo invitiamo chi ci legge, chi lavora con noi, chi sta portando avanti esperienze simili alle nostre a intervenire con scritti o anche semplici notizie che possano accrescere le nostre conoscenze. Per quanti vorranno farlo, pubblichiamo di seguito alcune semplici norme redazionali.

 

Articoli

Si collocano nel corpo principale del Magazine e sono corredati da foto o immagini. Il testo (in formato doc o docx) deve essere non giustificato, carattere Arial, dimensione 9.

La normale lunghezza di un articolo è di 300-400 parole corrispondenti a circa 2000-3000 caratteri, spazi inclusi. Se sono utilizzate parole non italiane, evidenziarle con carattere italico, per esempio: nell’ambito della World Space Week si sono svolte delle conferenze di outreach per coinvolgere… Non usare la sottolineatura. Per segnalare siti web utilizzare il formato:  www.simus.unisi.it/it/archivio-simus-magazine e non http://www.simus.unisi.it/it/archivio-simus-magazine .

 

Foto e immagini a corredo dell’articolo

Si raccomanda di inviarle con file separati, in formato jpg, con risoluzione di almeno 300 dpi. Le immagini possono essere corredate da una breve didascalia, riportata in calce alla pagina con il testo dell’articolo.

 

Notizie brevi e news

Sulla banda laterale a destra sono accolte le notizie brevi. Non sono corredate da foto né dall’indicazione dell’autore. Testo non giustificato, formato Arial dimensioni 9, lunghezza 100-150 parole corrispondenti a circa 700-1000 caratteri spazi compresi.

Public Engagement: le attività del SIMUS con valore educativo, culturale e di sviluppo per la società

Il Sistema Museale organizza e promuove attività che, nell’ambito della Terza missione dell’Ateneo e in linea con le indicazioni di ANVUR, contribuiscono allo sviluppo socio-economico e culturale del territorio e della società di riferimento.

In particolare il SIMUS realizza eventi aperti alla città per divulgare, anche per il tramite delle collezioni presenti nei musei, i risultati della ricerca scientifica tra i non esperti e condividere così la conoscenza con le istituzioni cittadine e le realtà culturali e sociali del territorio. Proprio la capacità di sviluppare iniziative nuove nei contenuti e nelle modalità di realizzazione permette un coinvolgimento sempre maggiore della comunità universitaria e di quella locale e la creazione di relazioni di reciprocità tra istituzioni, ricercatori, associazioni e cittadini con l’obiettivo di generare benefici comuni.

In tal senso possiamo affermare che le iniziative del SIMUS rientrano a pieno titolo nel “Public Engagement”, cioè in quell’insieme di attività senza scopo di lucro con valore educativo e culturale, che permettono di condividere i risultati della ricerca universitaria con la società civile.

Siamo di fronte a un’evoluzione molto importante, che mostra in questo “impegno pubblico” una consapevolezza sempre maggiore del ruolo che il Sistema Museale Universitario Senese (SIMUS) può esercitare non solo nella conservazione, nella ricerca e nella esposizione dei propri beni culturali, ma anche nella formulazione di processi di coinvolgimento sociale che generino benessere.

 

Di seguito gli abstract di tre interventi presentati dal direttore del Sistema Museale Universitario Senese (SIMUS) Davide Orsini in questi ultimi mesi in incontri nazionali sulla museologia.

Continue reading

Passaggio di consegne alla direzione delle collezioni di Preistoria e Archeologia

Nella riunione di dicembre il Consiglio direttivo del SIMUS ha salutato la professoressa Lucia Sarti, per anni responsabile delle Collezioni di Preistoria, Archeologia classica e Archeologia Medievale, a riposo dal 1 novembre 2018. Il Presidente del Sistema Museale l’ha ringraziata per il notevole contributo offerto in questi anni alle attività del SIMUS, auspicando che possa comunque proseguire questo suo percorso anche se in altra forma.

Contemporaneamente il Consiglio ha espresso parere favorevole alla nomina a direttore delle Collezioni di Preistoria, Archeologia classica e Archeologia Medievale del professor Andrea Zifferero, indicato come da Regolamento dal Dipartimento di Scienze Storiche e Beni Culturali.

Andrea Zifferero insegna dal 2002 Musealizzazione e Gestione del Patrimonio Archeologico ed Etruscologia e Antichità Italiche nel Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università di Siena. È autore di oltre 200 pubblicazioni su temi di etruscologia, museologia e comunicazione nel settore archeologico.

Laureato nel 1986 in Etruscologia e Antichità Italiche all’Università di Roma La Sapienza, ha conseguito nel 1990 il diploma di specializzazione in Archeologia e Storia dell’Arte antica presso lo stesso Ateneo. È stato collaboratore scientifico delle Soprintendenze Archeologiche di Roma (1982-1986), del Lazio (1985-1994), dell’Etruria Meridionale (1980-1996), e direttore del Museo Civico Archeologico-Naturalistico “A. Klitsche de La Grange” di Allumiere (RM) dal 1994 al 1996. Dal 1995 al 1998 è stato dirigente archeologo nella Parchi Val di Cornia spa, con le mansioni di direttore operativo del Parco Archeologico Minerario di San Silvestro (Campiglia Marittima, LI) e successivamente di direttore operativo del Parco Archeologico di Baratti e Populonia (Piombino, LI).

Ha coordinato con Andrea Ciacci i Progetti Vinum dal 2004 al 2006 ed Etruschi in terra di Siena dal 2005 al 2006 ed è attualmente il coordinatore del Progetto ArcheoVino presso il Comune di Scansano (GR). Dal 2002 è il direttore scientifico del Progetto Marsiliana d’Albegna (Manciano, GR).

 

Il San Niccolò: un patrimonio da tutelare

A 200 anni esatti dall’inaugurazione del manicomio di Siena si è chiusa lo scorso 6 dicembre la rassegna di eventi “Memoria dei 200 anni del San Niccolò”, promossa dall’Università e dal Comune di Siena e dall’Azienda USL Toscana Sud Est. Nell’arco di un anno sono stati presentati oltre venti appuntamenti, tra congressi, presentazioni di libri, tavole rotonde, spettacoli teatrali, mostre fotografiche, che testimoniano il grande lavoro di recupero della memoria portato avanti da molte realtà cittadine, e l’importanza della collaborazione tra Università, Comune e Azienda USL con il fine unico di salvaguardare e recuperare il patrimonio del San Niccolò, condividendone il futuro.

«Il recupero del San Niccolò appare complesso, almeno fino a quando non ci sarà un progetto condiviso che lo caratterizzi a tutti gli effetti come un’ampia operazione culturale. E questo perché tanti e diversi sono gli aspetti di cui tener conto. C’è infatti la necessità di definire un piano relativo al recupero e alla riqualificazione degli spazi e degli edifici, nel quale venga tenuta in considerazione l’esigenza di farli ‘rivivere’ e al contempo farli ‘dialogare’ con la restante parte della città. Nell’ex villaggio manicomiale, oltre alle strutture di ricerca e didattiche dell’Ateneo e a quelle sanitarie e assistenziali dell’Azienda USL, potrebbero trovare spazio anche alcune associazioni culturali della città, chiamate a rivitalizzare e dare un nuovo senso a tali luoghi.

Continue reading

L’Orto Botanico di Siena resterà chiuso per avverse condizioni metereologiche

L’evento meteo eccezionale di lunedì 29 ottobre ha seriamente danneggiato l’Orto Botanico dell’Università di Siena. Le condizioni attuali di devastazione non consentono le visite e la fruizione dell’Orto Botanico da parte dei visitatori e della cittadinanza.

Il Personale tecnico Scientifico dell’Orto Botanico, i Giardinieri, l’Ufficio Tecnico dell’Università, insieme al Presidio del Laterino si stanno prodigando in queste ore per ristabilire la normalità delle cose e lo stato dei luoghi. Tuttavia è prevedibile a oggi un periodo di chiusura di almeno un mese. Vi terremo aggiornati. L’Orto Botanico tornerà presto il bellissimo luogo e museo che tutti conosciamo.

Simus Magazine ottobre 2018

Simus Magazine è un notiziario caratterizzato da scritti brevi e di taglio divulgativo che vuole essere un mezzo di informazione su progetti, attività e iniziative delle realtà museali dell’Università di Siena ma anche un modo per stimolare riflessioni e confronti su tematiche inerenti la museologia.

Questa è la newsletter di ottobre 2018 e contiene la presentazione del Seminario “Emozioni e tecnologie per un museo inclusivo” e gli abstract degli interventi di Paolo Mazzanti e di Giuliano Gaia. Continue reading